PROGETTO TRIENNALE DI ALFABETIZZAZIONE DELLE DONNE NEL DIPARTIMENTO DI NANORÓ

Zone di intervento I villaggi del dipartimento di Nanorò
Partecipanti Le donne dei villaggi del comune di Nanoro
Luogo della realizzazione del progetto Dipartimento di Nanoro

Il progetto è un’iniziativa della Comunità dei Fratelli della Sacra Famiglia con la Parrocchia Santa Famiglia di Nanoro. Riguarda l’alfabetizzazione delle donne dei villaggi del dipartimento di Nanoro. Un’esperienza triennale, dal 2015 al 2018. L’inizio delle attività di alfabetizzazione è avvenuto nel gennaio 2015.

La popolazione di Nanoro è di 33.291 abitanti di cui 14.858 uomini (44,6 %) e 18.433 donne (55,4%).
Se per i bambini molti sforzi sono già stati fatti riguardo alla scolarizzazione, non è lo stesso per gli adulti che non hanno mai avuto l’occasione di andare a scuola.
Molti infatti, soprattutto le donne, sono ancora vittime delle tenebre dell’analfabetismo e non sapendo nè leggere nè scrivere permangono in uno stato di ignoranza. Nella zona di Nanoro la situazione delle donne è quantomeno drammatica.
In molte famiglie è la donna che dirige l’economia famigliare. È responsabile di tutti gli impegni sociali e civili; numerose poi sono quelle che conducono attività produttrici che generano piccoli introiti (vendita di una bevanda artigianale detta dolo, smercio di prodotti ottenuti dal riciclo e trasformazione di materiale raccolto qua o là….)
La maggior parte di esse è analfabeta e sovente le loro iniziative, pur costando molti sforzi, sono inevitabilmente votate all insuccesso.
Essendo la parte più numerosa e attiva della popolazione, certamente le donne hanno più bisogno di aiuto e di sostegno. Bisogna pertanto dare loro delle possibilità di sviluppo certe e tangibili.
Ma cosa prevedere e cosa fare per sperare in uno sviluppo che sia duraturo e costante per le donne di Nanoro se non iniziando, almeno, dalla loro alfabetizzazione?

L’analfebetismo a logica la prima causa della loro poverà e del loro sottosviluppo, per questo motivo l’alfabetizzazione è un mezzo indispensabile per “costruire una dinamica di sviluppo durevole”.
Mediante l’alfabetizzazione contiamo di lottare contro l’ignoranza, l’analfabetismo delle donne e la povertà nelle famiglie.Questo progetto di alfabetizzazione contribuirà certamente alla riuscita dei progetti di sviluppo nell’ambiente rurale.

Gli obiettivi fissati da questo progetto tra gli altri sono:

  • Permettere alle alunne di imparare a leggere, scrivere e calcolare in lingua moore.
  • Aiutare le allieve ad autosvilupparsi rendendole capaci di seguire i differenti corsi di formazione nelle diverse forme di attività e di applicare le conoscenze acquisite, favorendo l’autopromozione.
  • 
Gestire da parte della donne in modo migliore le attività generatrici di reddito

Formare le donne ad una buona esecuzione dei vari progetti di sviluppo a vantaggio di associazioni e gruppi di villaggi.Il programma consiste nel permettere alle alunne di imparare a leggere e scrivere e a fare di conto in lingua moore. Esso comprende anche incontri di sensibilizzazione su temi di attualità relativi alle problematiche del vissuto quotidiano nella località dove risiedono.

Come risorse umane necessarie per la realizzazione del progetto è stato previsto un Comitato di Alfabetizzazione che comprende cinque menbri: un presidente, un vice-presidente, un segretario, un economo e un economo aggiunto

Il ruolo del comitato è quello di sensibilizzare le donne, individuare  eselezionare le alunne e determinare il contributo finanziario dei partecipanti.
Il comitato a fine corso farà un bilancio della campagna, non solo quanristico ma sociale. Verificare quindi se il progetto, come strutturato, sia stato efficace, perciò, dopo aver formato i comitati di alfabetizzazione, verrà organizzato un comitato centrale che diriga i diversi gruppi. Il comitato lavora sotto la benevola direzione dei Fratelli della Sacra Famiglia e del Parroco, primo responsabile della parrocchia.

Il gruppo partecipante al progetto è costituito da donne di età compresa tra i 25 e 45 anni e saranno individuate nei villaggi del luogo dove si trova il centro di alfabetizzazione e dei villaggi limitrofi.
L’esame delle allieve si svolgerà presso la Direzione Provinciale dell’Insegnamento di Base (BPEBA) del Boulkiemdé (Koudougou).
Al termine dell’Alfabetizzazione Iniziale, le allieve promosse continueranno la Formazione Complementare di Base (FCB) nel medesimo centro.

Per quanto riguarda le necessità economiche, il progetto deve coprire i costi per costruire le aule, i banchi, l’acquisto del matriale didattico, la mensa per le allieve, lo stipendio per gli insegnanti e coprire i costi di gestione.

Ci sono poi le Formazioni Tecniche Specifiche (FTS) che si svolgeranno tra il 15 giugno e il 30 marzo e si concretizzeranno su argomenti riguardanti l’allevamento. Sono pensati esclusivamente per le donne alfabetizzate.
Questi corsi di formazione sono svolti da tecnici e specialisti del settore dell’allevamento: permetteranno di aumentare le conoscenze delle beneficiarie e quindi di modernizzare i loro sistemi di allevamento.
Lo scopo è sempre quello di fornire una chiave concreta di autosviluppo. Esse dovranno quindi non solo essere capaci di seguire i differenti corsi di formazione nelle diverse attività, ma anche di applicare le conoscenze acquisite, il che favorisce certamente la loro auto promozione.

Per maggiori informazioni

tel 011 942 6335    camsafa@camsafa.org     fsfalbino@camsafa.org





camsafa_donazione_ded_ok

back